A Peppino Solimene

Giuseppe Solimene

Giuseppe Solimene

Premessa:

Giuseppe Solimene (Lavello, 30 luglio 1879 – 1962), è stato un avvocato, cultore di patrie memorie e politico. Fu un personaggio eclettico con interessi in svariati settori. Uomo molto sensibile ed acuto, ha pubblicato molti studi su fatti, personaggi ed argomenti della storia di Lavello e del mondo letterario-culturale in genere. Lavello per il momento gli ha dedicato l’Istituto Tecnico Commerciale.

[fonte: Comune di Lavello]

Lo stesso Nicola Cilenti, nel suo libro “So’ turnato!”, descrive così il suo amico Giuseppe “Peppino” Solimene:  « E’ una pura anima di poeta: i suoi studi, le sue appassionate ricerche di storia Lavellese, il suo mirabile « dramma mistico » di San Mauro, lo rendono il figlio più degno di questo nostro grande e forte paese che lo stima e gli vuol tanto bene. Io ho a Lui voluto dedicare i miei sonetti dialettali […] piccolo segno della profonda amicizia che Gli porto. »

Di seguito, il sonetto, dedicato al suo amico Peppino, con il quale Nicola Cilenti apre la sua raccolta di sonetti in dialetto Lavellese dal titolo “So’ turnato!”.

A Peppino Solimene

A chi meglio ch’a te, Peppèino caro,
io pozz’uffrè sti canti appassiunati
ca ce pòrteno ‘n dreto, paro paro,
a li timpi luntani, spenzierati?

To, cum’a me, ricurdi coru monno
vïato, totto chiaro end’a lu sole
ca ciappecciàva l’ànema: oh non ponno
farlu turnà ste povere parole!

Ma tu sòulo, a Lavidd’, se’ remasto
a sentè e a studià e a fà la storia
de stu paèise nustro ch’è nu’ ‘mpasto

curiòuso de case e umanetà;
e gli hai vulòuto bene e la memoria
de tanta bene sempe restarrà.

Restarrà, pecchè to sai lègge e scavi,
cum’a me, da lu core de sta gente,
chi li struminti d’arte li chiù bravi,
re cose chiù sincere, umanamente.

Restarrà, pecchè bell’jè st’amore
tòujo, pe’ Lavidd’, pe’ sta terra nostra
ca de la terra tène lu sapore
e ce vo’ bene e a modo sòujo lu mostra.

Peppèino mèjo, oh pozza Sant’ Mauro
ca to a martério e a gloria hai usannato
cu nu « dramma » che mèreta lu làuro,

darce forza de fede e d’ideale
e prutegge e fa’ bûn’ognòuno nato
fra Sant’Anna, la Torre e lu Casale,

Sant’Antonio e lu Pisco derrupato!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...